L’anticipo del sabato tra Lazio e Sampdoria è stato deciso al 24esimo con un gol di Luis Alberto e ha regalato i tre punti alla squadra di Inzaghi.

Il primo tempo della Lazio è stato ottimo con un livello d’intensità di gioco molto alto da parte dei biancocelesti che sin da subito mostravano la voglia di vincere.

Dopo tanto tempo Lulic indossa di nuovo la fascia di capitano e torna titolare sull’esterno di sinistra.

Primo tempo

I primi venti minuti sono di studio con la Lazio che prova a sfondare attraverso il possesso palla ma la Sampdoria è brava a difendersi e chiude bene le offensive dei biancocelesti.

Al 24esimo arriva la svolta della partita, la Lazio parte in contropiede e Milinkovic riesce a servire Luis Alberto che sposta il pallone e trova il vantaggio con un tiro al limite dell’area.

Il vantaggio porta la Lazio ad attaccare con più fiducia e al 28esimo Immobile viene messo davanti alla porta da Luis Alberto ma calcia alto con il sinistro.

Pochi minuti dopo è ancora Immobile ad avere l’occasione di raddoppiare.

Acerbi lancia Immobile da centrocampo e l’attaccante italiano calcia di sinistro da posizione defilata trovando Audero, sul tap-in di Correa è bravo a chiudere Yoshida.

Il primo tempo termina con la Lazio che merita il vantaggio e non subisce le offensive della Sampdoria.

Secondo tempo

Ranieri cambia modulo e passa alla sua solita difesa a quattro inserendo Jankto e Bereszynski.

I primi dieci minuti del secondo tempo sono un assedio blucerchiato che al 54esimo riesce a mettere Quagliarella davanti alla porta in centro all’area, l’attaccante napoletano non trova però la porta con un colpo di testa.

Un’altra grande occasione per la Samp arriva al 62esimo quando Jankto sfrutta l’uscita di Reina ma calcia fuori e non trova il pareggio.

Dopo queste occasioni la Lazio prova a rialzarsi ma non riesce più a imporsi anche per via dei cambi effettuati da Inzaghi in vista dell’ottavo di finale di Champions League.

Al 67esimo Muriqi ha un’occasione enorme ma non riesce a concludere in porta da due passi dopo un cross ottimo di Marusic.

I minuti finali sono di puro assedio blucerchiato ma la Lazio riesce a difendersi bene e al 92esimo ha l’occasione di chiudere la partita con Milinkovic che davanti alla porta cerca Muriqi invece di tirare e chiudere il match.

Nei minuti finali un intervento di Musacchio rischia di rovinare la partita ma Massa non assegna il calcio di rigore.

Dopo questi tre punti d’oro la Lazio mette nel mirino il Bayern Monaco sperando nella grande impresa.