La gara d’andata tra Lazio e Bayern è alle porte. Domani sera l’Olimpico ospiterà la corazzata biancorossa in un match che si preannuncia spettacolare, visti i grandi nomi che scenderanno in campo. La partita inoltre, presenterà anche la sfida nella sfida tra Immobile e Lewandowski. L’attaccante campano ha rilasciato un’intervista al sito della UEFA, nella quale ha parlato dell’incontro valido per l’andata degli ottavi di finale di Champions League. “Giocare queste partite è sempre motivo di orgoglio e motivazione. Sarà un match difficilissimo, non ci snatureremo, ma sappiamo che contro squadre di questo calibro bisogna fare la partita perfetta. Il Bayern gioca un calcio molto offensivo, noi dovremo essere bravi a sfruttare i suoi punti deboli e le occasioni che ci capiteranno. Sarà fondamentale leggere bene la partita, ma in ogni caso siamo fieri del nostro cammino europeo e di aver riportato la Lazio a giocare un ottavo di Champions dopo 20 anni. Lewandowski è secondo me il più forte centravanti del mondo al momento. Di lui mi colpisce la fame e la voglia di superarsi sempre. Mi ha dato molta soddisfazione batterlo nella Scarpa d’Oro. Confrontarsi con campioni come lui o Ronaldo è motivo d’orgoglio per me. Al mister, essendo stato un attaccante, piace giocare un calcio votato all’attacco e questo perciò va a favore di noi punte. Preferiamo segnare un gol in più dell’avversario, anziché subirne uno in meno. Inzaghi a volte, mi dà consigli su come giocare con i compagni. Mi ricorda spesso anche i suoi 4 gol segnati in una sola gara di Champions. Essendo un centravanti, l’egoismo fa parte della mia natura, voglio segnare a tutti i costi, prendendo scelte che a volte, vanno contro al bene della squadra. Se sono superstizioso? Si, credo che ognuno abbia delle routine in ogni gara. Il mio obiettivo è sempre fare gol, ma in caso non dovessi riuscirci cerco di essere più utile al gioco0 di squadra”.