Missione compiuta con lo Spezia, vittoria e corsa Champions sempre più affollata. La Lazio non sbaglia ed incamera l’ottava vittoria consecutiva in casa. Si l’Olimpico è diventato una fortezza. Otto vittorie con 16reti fatte e solo 5subite.Ma non sono state vittorie semplici. La Lazio fa fatica a velocizzare il gioco, siamo lenti nell’impostazione e manca sempre qualcosa nei 16metri finali. Ci allunghiamo e non riusciamo a tenere le distanze tra i reparti. Riempiamo poco l’area di rigore, perché non riusciamo a seguire le ripartenza e l’azione. C’è da crescere sul fronte del gioco, ma la voglia di portare via i tre punti non è mancata. Serve uno step deciso e veloce, per ritrovare geometrie perse. Dobbiamo ritornare ad essere imprevedili. Napoli ed Atalanta corrono, sono in gran forma. Le altre balbettano, il Milan non vince in casa da Febbraio, la Juventus è in piena crisi, la Roma sembra aver perso lucidità. Ieri Pereira ha fatto bene, può fare meglio, ma come ieri, bisogna dargli fiducia e potrà dare tanto per la corsa Champions. C’è un problema Immobile, non segna dal 7 Febbraio. Ciro da sempre il massimo ma bisogna che ritrovi il goal, perché alla Lazio servono. Correa sempre più lontano, dall’essere un giocatore decisivo. Solo tre reti, in questo campionato, ma fa grande difficoltà. Caicedo merita più spazio, i suoi goal portano punti pesanti. Bisogna crederci, sempre. Ma dobbiamo risolvere le nostre problematiche. Ora il Verona, poi il Benevento, per continuare la corsa ed arrivare al doppio confronto, con Napoli e Milan, con grande fiducia e un gioco ritrovato.