Il paradosso della capienza del 50%

Nel nuovo Decreto legge Covid , approvato ieri ma che entrerà in vigore il 6 agosto , c’è la  riapertura degli stadi con un massimo del 50% della capienza totale. A cui si potrà accedere solo se in possesso del green pass ( da settembre sarà rilasciato dopo 2 dosi di vaccino).

Ovviamente la Serie A avrebbe voluto almeno un 75% anche perchè abbiamo visto degli europei, con molti stadi pieni, che ci avevano dato speranza,

Non capisco però, come è possibile che un evento aperto solo ai vaccinati non possa essere un evento aperto al 100% della capienza? avrei capito nel caso fossero stati accettati allo stadio anche non vaccinati , ma in questo caso che senso ha avere il green pass se poi alla normalità non ci si può tornare ugualmente?

Dopo un anno e cinque mesi di pandemia , è così difficile capire che una qualsiasi società di calcio ha un grande bisogno dei tifosi allo stadio? sia economicamente parlando ma non solo.

Sembra quasi che questa situazione sia portata avanti volutamente , per favorire quelle Pay tv che ci vorrebbero solo e soltanto sulla poltrona di casa per vedere tutto il campionato (già spezzettato ). Ma è solo un dubbio ovviamente, un dubbio che però visto come si sta protraendo la situazione da un anno e cinque mesi , cresce sempre di più.

Come al solito , il vero e unico penalizzato rimane il tifoso, tutto il resto come sempre è storia.