Sicuramente ci aspettavamo in campo un’altra Lazio, pronta a combattere sul campo di San Siro. Invece quella che è scesa in campo è stata una Lazio spenta, soffocata e dominata a centrocampo. Mai entrata in partita. Non c’è stata una minima reazione a quello che stava succedendo sul campo. Partita nervosa, anche per colpa dell’arbitro, ma comunque una Lazio che deve giocare molto meglio e soprattutto avere una personalità più forte per questo tipo di partite. La Lazio ha interrotto la sua corsa contro un Milan coraggioso e ben messo in campo da Stefano Pioli. Il 2 a 0 finale per i rossoneri è ampiamente meritato, siglato dai gol di Leao e Imbrahimovic. Dopo la bellissima partenza con le convincenti vittorie contro Empoli e Spezia e soprattutto i 9 gol segnati non ci si aspettava un tipo di partita così. La Lazio è scesa in campo con il classico trio confermato da Maurizio Sarri con Pedro, Immobile e Felipe Anderson. Luis Alberto ancora dal 1 minuti in mezzo al campo con Marusic a sostituire Lazzari non al meglio della forma. Il Milan ha fatto pressing a tutto campo con un ritmo molto alto mettendo in difficoltà soprattutto il centrocampo della Lazio. Oggi non si è riusciti a esprimere il gioco che abbiamo visto nelle prime 2 giornate, il gioco che Sarri vuole. Il Milan ha dettato i tempi e avanzava con forza fino al limite della nostra area di rigore. La Lazio il suo primo tiro, a parte un colpo di testa di Milinkovic-Savic, lo ha fatto all’81 minuto con Ciro Immobile. In mezzo al campo sia Leiva che Luis Alberto hanno faticato a tenere la palla, soprattutto per il pressing continuo dei rossoneri. Non sono arrivate palle giocabili in avanti, con Immobile e Felipe Anderson molto in ombra, Pedro si è dato molto da fare, l’unico anche a cercare di dare una mano al centrocampo. Il Milan ha continuato a spingere e ha trovato a fine primo tempo il gol con Leao. Poi Ciro Immobile commette un fallo ingenuo che causa il calcio di rigore a favore del Milan. Kessiè colpisce la traversa. Nel secondo tempo speravamo in uno scossone della Lazio, ma invece non c’è stato nulla. Entrato Ibrahimovic ed è andato a chiudere la partita. Brutto il finale di partita proprio con Ibrahimovic che afferra per il collo Leiva, mentre Maurizio Sarri, entrando in campo urla a Saelemaekers: “Devi portare rispetto!”. Dichiarando a fine partita che il giocatore del Milan aveva fatto un gesto che non è piaciuto al Comandante e che poi gli costa l’espulsione. Ora testa a Giovedì per la prima partita di Europa League contro il Galatasaray.

 

Tabellino: Milan – Lazio 2 – 0

 

Reti: Leao 45’, Imbrahimovic 67’

 

Milan (4-2-3-1): Maignan, Calabria, Tomori, Romagnoli, Hernandez; Tonali, Kessie (15′ st Bakayoko, 29′ st Bennacer); Florenzi (15′ st Saelemaekers), Diaz (35′ st Ballo-Touré), Leao (15′ st Ibrahimovic); Rebic

Allenatore: Stefano Pioli

 

Lazio (4-3-3): Reina, Marusic (19′ st Lazzari), Luiz Felipe, Acerbi, Hysaj; Milinkovic-Savic (29′ st Basic), Leiva, Luis Alberto; Pedro (39′ st Moro), Immobile (39′ st Muriqi), Felipe Anderson (19′ st Zaccagni)

Allenatore: Maurizio Sarri

 

Arbitro: Daniele Chiffi

 

Ammoniti: Bakayoko, Marusic, Reina, Luis Alberto, Hysai

 

Espulsi: Sarri