ERA D’OTTOBRE, ‘NA DOMENICA ASSOLATA, MAGARI L’OCCASIONE DE FASSE N’OTTOBRATA.

E INVECE LUI RINUNCIÒ ALLA FESTA, PER QUELLA GIORNATA CHE DIVENTÒ FUNESTA!

DENTRO LA CURVA CON LA MOJE E CON L’AMICI, PER ESSERE SERENI E PURE UN PO’ FELICI.
E INVECE LA TRAGEDIA ALL’IMPROVVISO, UN RAZZO L’HA CORPITO IN MEZZO AL VISO!
MA NON CE POSSO CREDE, EPPURE COSÌ È STATO,
POVERO CRISTIANO MORTO AMMAZZATO, DA QUELL’INFAME CHE S’È PURE VANTATO!
OGGI A DISTANZA CHE SÒ PIÙ DE QUARANT’ANNI, IL SOLITO INFAME È SEMPRE PRONTO A SCRIVE,
SUI MURI CO LI PENNARELLI,
CHE TE SEI PERSO LI GIORNI TUA PIÙ BELLI!

ENZO BIONDI