Cosa c’e’ ” Di Bello ” da vedere nella partita di Sabato contro la Juve? Forse proprio nulla. Ancora una volta la Lazio e’ stata penalizzata da se stessa ma sopratutto da una conduzione di gara alquanto di favore e sicuramente di parte.

Vorrei ricordare che chi ha arbitrato Sabato e’ lo stesso ” signore ” di quel Napoli-Lazio di Coppa Italia dell’ anno scorso dove Di Bello da evidentissimo rigore su Cataldi in area Partenopea rigiro’ il tutto contro di noi su un fallo inesistente di Sergej su Manolas.

Non ci vuole molto per capire che la Juve non doveva perdere contro la Lazio, altrimenti sarebbe gia’ stata esclusa dalla corsa alla coppa che conta ma, farla cosi’ sporca fa veramente passare la voglia di continuare a vedere sto calcio malato; si perche’ ieri sarebbe forse finita zero a zero ma non con una sconfitta dei biancocelesti.

E’ evidente l’ astio sportivo che c’e’ fra AIA, Lega e FIGC nei confronti della SS LAZIO e sinceramente ne siamo anche un po’ stanchi. Le diatribe politiche che il Presidente Lotito sta avendo stanno seriamente compromettendo il lavoro che viene fatto tutti i giorni a Formello ed i sacrifici che i tifosi fanno ogni qualvolta si giochi per seguire la propria passione.

Ci vuole una bella sterzata da parte degli alti ranghi della Societa’ dove si deve piu’ pensare al bene del popolo Laziale ed un po’ meno ai propri progetti politici e di potere personali, visto che non stanno portando nulla di buono.

C’e’ chi si lamenta per errori arbitrali ogni domenica ma se li inventa di sana pianta e chi invece li subisce constantemente senza dire una parola e sono evidentissimi.

Sabato e’ stato portato a termine un piano diabolico ed ennessimo che aiuta una Juve in gravi difficolta’ e condanna ancora una volta la vittima sacrificale prescelta dai poteri calcistici: la SS LAZIO. Chi lo nega non vuole sentire e quantomeno vedere e che andando avanti cosi’ non si andra’ da nessuna parte neanche con una rosa di grandi campioni come poi la Lazio meriterebbe di avere.

Nessuno ne parla, nessuno ne vuole parlare. Omerta’ piu’ assoluta ed intanto chi ci rimette siamo NOI innamorati perdutamente di quei magnifici colori…

FORZA LAZIO CARICA!