Quarantotto ore fa andava in scena una ennessima ” marchetta ” mediatica contro il mondo biancoceleste in una delle radio ” laziali ” della Capitale per mano di uno scaltro giornalista che ha cercato lo scoop senza tener conto del momento Lazio, del suo mondo e dei suoi tifosi. Per un suo personalissimo scopo ha architettato una telefonata con l’ ex portiere biancoceleste Angelo Peruzzi dove credendosi ” fuori onda ” cioe’ NON in diretta ha liberato 5 anni di soprusi ( almeno cosi’ fa capire ) dal suo corpo come se avesse avuto un demone dentro da esorcizzare.

Una caduta di stile d’ entrambe le parti dove la sola vittima e’ ancora una volta l’ innocente SS LAZIO.

5 anni al servizio del Dinamico Duo Lotito-Tare dove tutto era cosi’ negativo, brutto e cattivo che il ” cinghialone di Blera ” essendo stato catturato nelle reti Formellesi non e’ riuscito a liberarsi da quella trappola d’ oro dove fu catturato controvoglia…

Dall’ altra parte un giornalista (giornalaio, me ne scusino i veri giornalai che si guadagnano il pane quotidiano ) sul declino da tempo e da sempre anti-laziale anche professandosi tifoso ma solo a scopo di lucro. Egli, ha fatto la trappola perfetta per uno sgomentato Peruzzi alla fine della telefonata dove mandandolo, giustamente a quel paese nel piu’ romano dei modi, ha attaccato sapendo d’ aver parlato forse un po’ troppo.

Ancora una volta il ” fuoco amico ” ha bruciato l’ ambiente Lazio e subito c’e’ chi si e’ schierato dalla parte di Peruzzi per le parole al vetriolo contro la Societa’ ( LOTITO-TARE ) e chi ha osannato il giornalista per aver fatto cadere nella trappola un uomo che mai sara’ una bandiera della Lazio ma che ha rivelato, se poi cosi’ fosse, verita’ che tutti non aspettavano altro di sentire.

Quarantotto ore fa pero’ andava in scena anche un pezzo della storia biancoceleste con la firma/rinnovo del Maestro Sarri e completa fiducia data all’ allenatore da parte della Societa’. Nemmeno una parola, non un trafiletto di giornale.

Certo fa piu’ gola una ” sputtanata ” del genere su quella radio, cosicche’ il tifoso laziale puo’ aggiungere benzina su quel fuoco amico che sta pian piano facendo terra bruciata del nostro mondo, piu’ interessante dare del ” poveretto ” ad Angelo Peruzzi dopo 5 anni di soprusi pagati oro a Formello che mettere in risalto il nuovo progetto della SS Lazio che parte con Sarri.

Una trappola riuscita alla perfezione per chi vede solo ad un palmo dal proprio naso, per chi odia a prescindere e per chi della Lazio non gli importa.

Vergognatevi, entrambe! Peruzzi per la caduta di stile di sputtanare il tuo datore di lavoro dopo tanti anni dove il piatto dove ha mangiato era di platino e se fosse stato tutto cosi’ brutto e cattivo nessuno e, dico NESSUNO, resterebbe nelle grinfie di un podesta’, a meno che il salario ne valga la pena, vero Angelo?

Tu, giornalista da carta straccia invece hai sputtanato ancora una volta quel mondo che dici di amare e di rispettare, quando invece sei tu, il primo a non rispettare te stesso ed il tuo lavoro. Un vero laziale non avrebbe MAI fatto una cosa del genere, non avrebbe mai tirato fango sul proprio amore! Spero i tuoi ” LIKE ” ti riempino di gioia e sopratutto le tasche, perche’ tu col mondo Lazio hai chiuso!