Con l’acquisto di Marcos Antonio dallo Shakhtar Donetsz per 10 milioni di euro, bonus unclusi, la Lazio entra ufficialmente sul mercato e prepara la stagione 2022/23.
Diversi sono i nodi da sciogliere, l’indice di liquidità impone cessioni per fare cassa, le cessioni di Vavro, Muriqi e Escalante in questo senso potrebbero sistemare il problema che viceversa vedrebbe il Presidente Lotito mettere mano al proprio portafoglio per colmare quanto richiesto.
In entrata si è a buon punto per Carnesecchi, prestito biennale oneroso circa un paio di milioni e riscatto obbligatorio a 12/13 milioni. Le alternative non mancano, Vicario, Gollini, e Cragno per il momento le alternative.
In difesa rimane aperta la questione dei due centrali  e il laterale sinistro. I più gettonati con trattative imbastite sono Romagnoli, la cui distanza sull’ingaggio è di circa trecentomila euro, e Casale del Verona, dove la richiesta del presidente Setti è molto alta, si parla di circa 15 milioni di euro. L’impressione qui è che la trattativa non sarà affatto facile, si cercherà di abbassare le pretese del club Veneto. Sulla fascia vengono monitorati Emerson Palmieri di proprietà del Chelsea e Parisi dell’Empoli.
A centrocampo, dopo l’acquisto del brasiliano Marcos Antonio si cerca un centrale, che nello scacchiere tattico possa sostituire Lucas Leiva. Nelle ultime ore si registra un contatto con gli inglesi dell’Arsenal per Lucas Torreira, che la Fiorentina non ha riscattato.  La trattava qui non è affatto facile, servono tra i 15 e i 18 milioni di euro per acquisire il suo cartellino. Piace il brasiliano Maycon di proprietà dello Shakhtar, qui forse la trattativa potrebbe essere più facile.
Da sciogliere il nodo Luis Alberto, oggetto.del desiderio degli spagnoli del Siviglia, la Lazio chiede almeno 30 milioni di euro.
Da registrare nelle ultime ore un contatto tra Lotito e De Laurentis per un possibile scambio alla pari tra Luis Alberto e Zieilinski, scambio affascinante che risolverebbe i problemi tattici di entrambi gli allenatori delle rispettive compagini.
Sullo spagnolo c’è anche l’interesse della Juventus.
In attacco per il momento tutto tace. Il riscatto di Cabral potrebbe essere una sorpresa, che di fatto non risolverebbe il problema del vice Immobile. L’offerta recapitata a Mertens per il momento rimane in stand by,  il giocatore aspetta il Napoli che, allo stato attuale non sembra così certo di rinnovare il.contratto al belga, almeno a certe cifre.
Insomma i lavori sono in corso, il ritiro di Auronzo di Cadore si avvicina, il tempo stringe, la società è impegnata a soddisfare le richieste del suo allenatore per migliorare il quinto posto dello scorso anno. Non sarà facile, ma la sensazione è che questa volta a dirigere le operazioni sia mister Sarri fresco di rinnovo fino al 2025.